Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento del sito ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Negando il consenso potrebbero non visualizzarsi alcuni contenuti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. 
Privacy Policy

 
stemma

Seguici su facebooktwitter

Le persone residenti in Italia che si trovano all’estero per un periodo- nel quale  è compreso il 25 settembre 2022 - di almeno tre mesi per motivi di studio, lavoro o cure mediche possono chiedere di votare per corrispondenza per le elezioni politiche del 25 settembre 2022.

Per farlo devono presentare domanda di opzione per il voto all’estero direttamente al proprio Comune italiano di residenza; la richiesta puó essere inviata anche per

  • posta elettronica : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • oppure fatta pervenire a mano al comune da persona diversa dell'interessato.

 

 e  deve essere presentata al Comune tassativamente entro il giorno 24 agosto 2022.

Le domande presentate dopo tale data non potranno essere prese in considerazione ma l’interessato conserverà ovviamente il diritto di votare in Italia nel proprio seggio.

 

Le stesse norme si applicano anche ai familiari conviventi che si trovano all’estero, e la richiesta puó essere revocata entro lo stesso termine del 24 agosto 2022.

La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’ufficio consolare (Consolato o Ambasciata) competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (ovvero di trovarsi per motivi di lavoro, studio o cure mediche in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale; oppure, di essere familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni [comma 1 dell’art. 4-bis della citata L. 459/2001]). La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

modello per presentare domanda in allegato.